Novità!

Nuovo mulinello T85, con manovella inox estraibile.

______________

Novità!

sistema videosub FishingBuddy

sistema per riprese video HDFishingBuddy

______________

Novità!

zaino stagno BackPack

zaino stagno BackPack___________

 

Totemsub per il 2011

Dopo oltre dieci anni di attività nel settore della pesca in apnea, arrivano alcune novità importanti, che riguardano principalmente il riassetto delle ormai numerose attività....

leggi tutto...

_____________________

 

picnorway

visita la sezione foto con le catture dei nostri amici...

--------------------------------

 

guarda la programmazione dei documentari Totemsub per "Caccia e Pesca"

 

 

 

 

fucili subacquei in legno Totemsub: filosofia costruttiva e dettagli tecnici


Molto probabilmente, non esiste un fucile subacqueo perfetto. Ovvero, un fucile che sia perfetto in ciascuna delle infinite combinazioni di fattori che si verificano durante la pratica reale della pesca in apnea. Molto spesso, dare troppa importanza ad uno solo degli aspetti, finisce per influenzare negativamente il comportamento generale del fucile. La nostra lunga esperienza, corroborata da un uso praticamente quotidiano ed intensivo degli attrezzi che produciamo, ci ha portato negli anni ad identificare alcuni punti cardine sui quali tutta la gamma è strutturata, e che rendono i nostri fucili, ognuno nella sua specializzazione, semplicemente adatto all'uso specifico, con il giusto mix di potenza, precisione, maneggevolezza, robustezza, durevolezza, e semplicità di gestione. Questi punti sono:
- La rigidità strutturale del fusto
- La presenza di una guida per l'asta
- L'assetto corretto e bilanciato.
Fattori come potenza, precisione e facilità di brandeggio sono funzione delle componenti di cui sopra, ed a seconda del tipo di utilizzo del fucile, possono avere rilevanze diverse.  Questi particolari saranno analizzati nelle sezioni relative ai vari modelli.

 

Rigidità del fusto: quando si carica un fucile ad elastici, tendendo le gomme, il fusto viene sottoposto ad un carico cosiddetto "di punta", che tende a farlo flettere. Naturalmente questa tendenza alla flessione sarà più o meno accentuata in funzione della "forza" delle gomme, e della distanza dell'asse delle stesse dall'asse del fusto. Nel caso si generasse una flessione del fusto, questo significherebbe che una parte dell'energia da noi spesa per tendere le gomme è stata in realtà utilizzata per flettere il fusto. Questa parte non sarà restituita in fase di rilascio, ma dispersa, con perdita di potenza e precisione. Tutti i nostri fusti sono realizzati in legno lamellare realizzato nel nostro laboratorio, a partire da tavole selezionate una ad una per regolarità della venatura, stagionatura, e peso specifico, dettaglio quest'ultimo importantissimo, come vedremo in seguito, e non garantito nell'acquisto di prodotto industriale semilavorato.
Guida asta: La funzione principale del guida asta non è quella, che sembrerebbe immediatamente evidente, di influenzare la traiettoria dell'asta indirizzandola e limitandone i movimenti laterali. In realtà, la sua funzione principale è quella di supporto per limitare le oscillazioni verticali in uscita, che sono causa di grandi dispersioni. In un fucile ad elastici privo di guida, l'asta, snella e realizzata in metallo flessibile, appoggiata solo sulla testata e nel calcio, presenta una "pancia" verso il basso molto marcata. La spinta degli elastici, che non è coassiale all'asta, ma disassata verso l'alto, provoca, al momento dello sparo, un ulteriore caricamento ed inarcamento dell'asta, che parte quindi serpeggiando vistosamente. L'eventuale presenza di flessione del fusto renderebbe inutile o addirittura dannosa anche la presenza di un appoggio in posizione centrale, in quanto l'asta sarebbe sospinta verso l'alto dalla ridistensione del fusto. Sui fucili Totemsub, la guida è realizzata con una sezione diversa da quella dell'asta, e la superficie di contatto è quindi minima. Il rivestimento in resina epossidica conferisce alla guida una grande scorrevolezza, ed inoltre esiste un cuscino d'acqua che riempie gli spazi tra la stessa e la guida. In ogni caso, in fase di rilascio, l'asta si distacca dalla guida, rendendo gli attriti tra asta e guida assolutamente trascurabili. Sugli ultimi modelli, dopo una lunga serie di studi e test iniziati per la serie "Guizzo", la parte rialzata della guida è stata eliminata nella parte centrale del fusto, che mantiene però inalterata la funzione essenziale di supporto.
Assetto: particolarmente nell'aspetto e nell'agguato, disporre di un fucile che non stanca il polso nelle lunghe fasi di attesa, e non pesa durante i silenziosi spostamenti con fucile in linea di tiro, è una caratteristica fondamentale. Naturalmente, il giusto bilanciamento del fucile influisce molto sulla facilità di brandeggio.
Con queste premesse, la scelta si è focalizzata sul legno lamellare, composto da listelli di essenze pregiate ed adeguate al tipo di uso, provenienti tavole selezionate una ad una, assemblati per mezzo di resina epossidica. Questo straordinario materiale abbina alle grandi doti strutturali la possibilità di essere lavorato in modo artigianale. Il fusto realizzato in questo materiale è molto robusto e non può subire allagamenti. Inoltre, è possibile riportarlo a nuovo dopo lunghi periodi di utilizzo tramite semplicissime operazioni di manutenzione. Possiede una massa inerziale capace di diminuire gli effetti del rinculo, ed è più silenzioso rispetto ad un fusto cavo. Non ultimo, possiede anche doti estetiche di prim'ordine, anche per la grande cura adoperata dall'artigiano durante tutte le fasi della lavorazione.

Il dimensionamento dei vari componenti è studiato in funzione dell’equilibrio specifico del singolo modello. Ad esempio, in un 90 destinato alla pesca all’agguato al pesce bianco la potenza assoluta è certamente meno importante rispetto alla facilità di brandeggio ed alla possibilità di sparare con polso e braccio in posizione non ottimale. Per un 110 a triplo elastico, invece, il controllo del rinculo supera come importanza la facilità di brandeggio.

Al termine delle lavorazioni, ogni fucile è testato in vasca singolarmente per la determinazione dell’assetto, che viene quindi corretto con l’aggiunta di peso all’interno del fusto, in modo che il fucile sia alla fine pressoché neutro con l’allestimento in dotazione. Data la quantità di sperimentazioni e ricerche sull’equilibrio ottimale dell’attrezzo in funzione dell’uso specifico, forniamo il fucile pronto in ogni suo dettaglio, cosicché all’utilizzatore non resti che andare in mare, certo di avere un attrezzo perfettamente equilibrato ed assettato già dalla prima uscita in mare.

serie Guizzo serie Pelagos serie Pelagos Twin serie Tahiti serie Polinesia